Cruelty-free: quali sono i brand che rispettano gli animali e quali meno

Dal 2013 in Europa vige una legge che proibisce il test di ingredienti cosmetici su animali. Prima di allora, ogni ingrediente utilizzato doveva essere testato su animali, anche se i test dovevano essere eseguiti fuori dal territorio europeo.

Nonostante la legge, ancora oggi esistono diversi brand cosmetici che non rispettano questa regola. Ma come fare a capire quando i prodotti sono cruelty-free? Quali sono le case cosmetiche che rispettano veramente gli animali? Lo vedremo tra poco, intanto sappiate che sui prodotti esiste un simbolo specifico che serve a garantire che nessun animale è stato maltrattato durante la preparazione di quei prodotti. Generalmente il simbolo è il seguente, ma può cambiare se vi trovate in America o in Australia.

prodotti Cruelty-free

I test

Gli esperimenti che vengono condotti sugli animali sono molto invasivi e spesso fatali. Questi test servono a verificare la tossicità dei prodotti utilizzati e vengono somministrati all’animale (conigli o topolini), dalla nascita fino alla morte, a volte anche solo durante i periodi di gravidanza per testare eventuali effetti dannosi sui piccoli.

Sono in molti a giustificare tali violenze sostenendo che sia meglio mettere a rischio la vita di un animale, piuttosto che quella di un essere umano, ma oggigiorno esiste anche la possibilità di utilizzare metodi di verifica alternativi. L’Unione Europea non consente la vendita di prodotti non testati, ma cerca di incoraggiare l’utilizzo di test alternativi che non arrechino danni a nessun essere vivente.

Le eccezioni alla regola cruelty-free

Principalmente, le eccezioni riguardanti la legge cruelty-free in Europa sono due:

  • Gli ingredienti testati su animali ma sviluppati per altri settori (per esempio quello medico o alimentare): queste composizioni possono essere utilizzate dai brand cosmetici;
  • Gli ingredienti testati prima dell’entrata in vigore della legge: le sostanze non sono mai state ritirate dal mercato, e quindi vengono ancora usate per la realizzazione di alcuni prodotti.

IMPORTANTE! La legge del cruelty-free vige in Europa, ma non in tutto il mondo: lo stesso brand può vendere prodotti non testati su animali nell’Unione Europea, ma continuare a testare su animali i propri ingredienti e venderli al di fuori di essa. Ecco perchè a volte la stessa marca vende prodotti diversi nei vari paesi e perché alcuni marchi in Europa non vengono messi in vendita.

La Cina è il paese con più problemi a riguardo: in Cina, infatti, è obbligatorio testare ogni prodotto cosmetico finito su animali prima di poterlo mettere in commercio. Per questo i brand che vendono sia in Europa che in Cina non possono essere considerati cruelty-free. Lo stesso discorso vale per le grandi multinazionali in possesso di marche cruelty-free, ma anche non-cruelty-free.

Brand cosmetici cruelty-free

Tra i brand cosmetici più famosi in Italia, quelli certificati cruelty-free sono:

  • Anastasia Beverly Hills
  • BeautyBlender
  • Cosmyfy
  • Catrice
  • Essence
  • Jeffree Star
  • Kiko
  • Kylie Cosmetics
  • LUSH (LUSH è anche vegana)
  • Kat Von D
  • Milani
  • Morphe
  • Nabla Cosmetics
  • Mulac
  • Smashbox
  • Too Faced
  • Urban Decay
  • The Body Shop
  • Zoeva
  • NYX
  • Revolution Makeup
  • Alkemilla
  • Bottega Verde
  • I Provenzali
  • Gala
  • La Saponaria
  • L’Erbolaio

Brand cosmetici che testano ancora su animali:

Di seguito alcune delle case cosmetiche più famose in Italia che, invece, testano ancora i loro prodotti su animali fuori dall’UE:

  • Avon
  • Benefit
  • Chanel
  • Colgate
  • Dior
  • Dolce&Gabbana
  • Dove
  • Estee Lauder
  • Eucerin
  • Garnier
  • L’Oreal
  • MAC
  • Maybelline
  • NARS
  • Neutrogena
  • Nivea
  • NYC
  • Pantene
  • Rimmel London
  • Sephora Cosmetics
  • Sunsilk
  • Venus

Per oggi è tutto, vi ricordo che negli ultimi tempi molte delle case cosmetiche sopra citate, si stanno muovendo per poter smettere di testare i propri prodotti sugli animali, quindi la lista potrebbe subire modifiche.

Fammi sapere quello che pensi dell'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.